Ruderi del convento Sant'Elia di Galatro - fotodellacalabria.it

fotodellacalabria.it
Spunti fotografici di storia, archeologia e paesaggio calabresi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ruderi del convento Sant'Elia di Galatro

Gallerie Fotografiche > Storia e Archeologia
Utilizzo delle gallerie e avvertenze sul contenuto
©  foto: Saverio Corigliano
Ruderi del convento Sant'Elia (X - XI sec.)
Note

Il convento “Sant’Elia” di Galatro (X-XI secolo) fu uno dei primi fondati dai monaci greco-basiliani nella zona. Il cenobio di contrada “Cubasina” rivestì grande importanza non solo in epoca bizantina, ma anche quando fu successivamente abitato dai padri Cappuccini. Tra le sue mura dimorarono e si rifugiarono in preghiera personalità religiose di grande spessore come Bernardo di Seminara, il quale qui trascorse la sua giovinezza, compì gli studi di teologia e fu ordinato sacerdote con il nome di Barlaam. I monaci, tra l’altro, al suo interno nel 1075 traslarono da Taureana il corpo acefalo di Sant’Elia il Giovane (o l’Ennese). Abbandonato dai basiliani alla fine del 1400, qualche anno dopo il convento fu occupato dai padri Cappuccini. Danneggiato seriamente dal terremoto del 1783, fu infine soppresso nel 1808 per l’esiguità numerica dei frati che vi dimoravano al suo interno. Oggi del monastero, abbandonato alle incurie del tempo, rimane ben poco. Basta attraversare i suoi ruderi, tuttavia, per percepire in modo indelebile l’alone di forte spiritualità e la grandezza che ne hanno contrassegnato il luogo nei secoli passati.

by   Saverio Corigliano

Informazioni di base su Wikipedia

Il logo Wikipedia viene utilizzato con attinenza alle condizioni d'uso di cui a

questo link ufficiale

Mappa
v. 7.5.1
© 2009-20017 Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu