La Certosa di Serra San Bruno ed il suo museo - fotodellacalabria.it

fotodellacalabria.it
Spunti fotografici di storia, archeologia e paesaggio calabresi
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Certosa di Serra San Bruno ed il suo museo

Gallerie Fotografiche > Storia e Religione
©  foto: Nunzio Bilotta
Utilizzo delle gallerie e avvertenze sul contenuto
Visita alla Certosa ed al suo museo
Note

Non poteva mancare un omaggio alla ben nota Certosa di Serra San Bruno, abbazia immersa nel magnifico scenario naturale delle Serre del Vibonese e meta, addirittura, di una recente visita del Papa Benedetto XVI, nell'ottobre del 2011.
Le riprese, al momento possibili solo in esterno, consentono un numero piuttosto limitato di vedute dell'abbazia stessa. L'ingresso all'interno della Certosa è stato giustamente e fermamente  vietato a chiunque per evitare di snaturare ciò che essa è per i monaci certosini: un luogo di preghiera e di vita solitaria, ascetica e contemplativa. Proviamo a figurarci un po' cosa ne sarebbe stato della loro vita se fossero state aperte le porte al flusso del turismo di massa! Tuttavia, per mantenere ugualmente e in qualche modo i contatti col mondo esterno, è stato realizzato ed annesso un interessante museo in cui sono contenuti anche alcuni reperti indicativi della vita e delle abitudini dei certosini,  per soddisfare così la primaria curiosità dei turisti e/o dei pellegrini.
La maggior parte delle foto riguarda proprio l'interno del museo della Certosa il cui direttore, Dr Fabio Tassone, ringrazio per la sua cortesia e disponibilità. Per i cenni storici, le informazioni di carattere generale nonché per le indicazioni geografiche, vi rimando ai link contenuti nei box  in basso a sinistra della pagina.    

                                                                                                N. Bilotta

Informazioni di base su Wikipedia

Il logo Wikipedia viene utilizzato con attinenza alle condizioni d'uso di cui a

questo link ufficiale

Mappa
v. 7.5.0
© 2009-20017 Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu